FAQ
Rispondiamo alle vostre domande.

Le FAQ e le spiegazioni dei termini non sono esaustive e saranno aggiunte di continuo.

La stazione di ricarica bidirezionale funziona anche se la rete elettrica viene meno?

No, la stazione di ricarica bidirezionale non è ancora compatibile con le isole e non può funzionare in caso di mancanza di corrente. Allo stesso modo, la nostra stazione di ricarica non è ancora compatibile con un edificio autoalimentato. Stiamo lavorando per rendere i nostri sistemi utilizzabili in un sistema ad isola nel prossimo futuro.

Termine V2H (vehicle-to-home)

Le e-car ricaricabili bidirezionalmente possono non solo immagazzinare energia elettrica per la guida, ma anche alimentarla di nuovo in casa. Vehicle-to-home permette quindi di alimentare la propria casa con l’energia elettrica immagazzinata dall’auto elettrica. L’intero processo di carica e di ritorno avviene dietro il contatore di casa e viene spesso utilizzato per aumentare il tasso di autosufficienza per mezzo di sistemi di energia solare.

Concetto V2B (Vehicle-to-building)

Come per il vehicle-to-home, le e-car ricaricabili bidirezionalmente possono non solo immagazzinare energia elettrica per la guida, ma anche alimentarla di nuovo nell’edificio con più consumatori. Vehicle-to-building permette quindi di alimentare il proprio condominio o l’impresa commerciale/industriale con l’energia elettrica immagazzinata dalla e-car, spesso anche come parte di una flotta di e-car. Inoltre, il peak shaving può essere usato per limitare i picchi di carico all’interno dell’edificio. L’intero processo di carica e recupero avviene dietro la connessione elettrica dell’edificio.

Termine V2G (vehicle-to-grid)

Le auto elettriche caricabili bidirezionalmente possono non solo attingere energia elettrica dalla rete, ma anche immetterla nuovamente nella rete come parte di un sistema energetico intelligente. Questo processo è controllato da segnali dell’operatore della rete di distribuzione o di trasmissione e può avvenire sia nelle stazioni di ricarica pubbliche che all’interno degli edifici attraverso la connessione alla rete. I processi di carica e scarica V2G di un numero maggiore di auto elettriche (pooling) servono nel commercio di energia e per scopi di stabilizzazione come servizi nella rete di distribuzione e trasmissione. Vehicle-to-grid permette quindi l’accoppiamento intelligente dei settori.

Termine V2X (Vehicle-to-everything)

V2X è un termine collettivo per tutte le applicazioni di cui sopra ed esprime anche l’uso combinato di diverse modalità operative. Per esempio, le auto elettriche ricaricabili bidirezionalmente in un garage di una proprietà più grande possono essere utilizzate sia per l’ottimizzazione dell’autoconsumo e per scopi di peak-shaving (V2B) che per fornire servizi di rete (V2G).
La fornitura autonoma di singoli consumatori e di reti di isole, così come la ricarica di altre auto elettriche, completano il quadro.

A che punto è la tecnologia di ricarica bidirezionale?

I primi produttori, tra cui il partner sun2wheel EVTEC, hanno lanciato stazioni di ricarica bidirezionali tecnicamente mature con connettori CHAdeMO. Questi sono stati ampiamente testati in anticipo in prove che durano diversi anni.
La ricarica bidirezionale tramite la spina CCS, che è lo standard in Europa, è attualmente possibile solo con le nostre stazioni di ricarica bidirezionali digitali e -10.
In Giappone, invece, la tecnologia di ricarica bidirezionale è obbligatoria da anni per ogni veicolo elettrico!

La ricarica bidirezionale è permessa in Svizzera?

In linea di principio, la ricarica bidirezionale è equivalente al funzionamento delle batterie stazionarie. Se l’infrastruttura di ricarica è conforme alla raccomandazione VSE Grid Connection for Energy Generation Installations (NA-EEA) e alle norme tecniche per la sicurezza elettrica e la compatibilità elettromagnetica, ha diritto all’approvazione al momento della registrazione presso il gestore della rete di distribuzione.
Dal 1.01.2022, le stazioni di ricarica bidirezionali possono essere registrate regolarmente per mezzo di un’applicazione di connessione tecnica aggiornata.

Tutti i veicoli elettrici possono essere caricati in modo bidirezionale?

No, purtroppo non ancora!
Fondamentalmente, tutti i veicoli elettrici giapponesi possono essere caricati bidirezionalmente, perché questo è prescritto dal governo giapponese. La ricarica bidirezionale è possibile principalmente per i tipi di veicoli con CHAdeMO, ma in un caso anche con cavi di ricarica veloce CCS. In generale, la ricarica bidirezionale richiede l’approvazione del produttore del veicolo e la certificazione della stazione di ricarica per il rispettivo tipo di veicolo.

I tipi di veicoli attualmente disponibili che permettono la ricarica bidirezionale sono i seguenti:
– Nissan Leaf e e-NV-200 (furgoni) –> CHAdeMO
– Mitsubishi i-MiEV, Outlander e Eclipse Cross –> CHAdeMO
– Peugeot iOn e Citroën C-Zero –> CHAdeMO
– Honda e –> CCS

Diversi produttori di veicoli hanno annunciato la fornitura di modelli elettrici a carica bidirezionale sul mercato nel prossimo futuro. In generale, l’introduzione di uno standard internazionale è prevista entro il 2025, che regolerà anche la ricarica bidirezionale con spine di ricarica CCS in modo vincolante.
La Hyundai Ioniq 5 non è bidirezionale nel senso di veicolo-casa. È possibile prelevare solo una quantità limitata di energia tramite una spina a bordo, monofase. Questo non può essere usato per alimentare una casa.

 

La ricarica bidirezionale danneggia la batteria del mio veicolo?

Anni di pratica e di ricerca scientifica hanno dimostrato che le batterie al litio sono molto robuste. Inoltre, gli ultimi sviluppi tecnici hanno portato a una durata di vita delle batterie ancora più lunga. Poiché la potenza di scarica durante la carica bidirezionale è molto più bassa (fattore 10 e più) rispetto alla guida, l’invecchiamento supplementare della batteria è estremamente basso. L’approvazione dei modelli di veicoli per la ricarica bidirezionale da parte dei loro produttori include anche il mantenimento dei servizi di garanzia completa.

Cosa significano le stazioni di ricarica bidirezionali per l'infrastruttura della rete elettrica esistente dell'edificio in questione?

L’immagazzinamento intermedio e l’alimentazione mirata dell’energia solare autoprodotta aumenta il tasso di autoconsumo di una proprietà o di una zona con un impianto fotovoltaico e riduce così i costi di acquisto dell’energia elettrica.
Il collegamento bidirezionale dei veicoli permette anche di ridurre i picchi di potenza scaricando le batterie in modo controllato dal carico. Questa alimentazione rigenerativa riduce i costi di rete per l’utente attraverso il risparmio sulla tariffa della corrente.
Con un numero maggiore di veicoli che si alimentano, la capacità di ricarica dell’infrastruttura di ricarica può persino essere aumentata al di sopra della capacità della potenza di connessione installata.

Quale contributo può dare il V2X alla stabilità dell'alimentazione?

La carica e la scarica dei veicoli in bundle possono ridurre i sovraccarichi della rete, ad esempio a causa di un’alimentazione irregolare dell’energia solare o delle centrali eoliche. Per esempio, 100.000 veicoli elettrici collegati alla rete con ±10 kW ciascuno rappresentano una potenza di controllo decentralizzata di ±1 GW. Questo corrisponde alla produzione del più grande impianto di pompaggio svizzero, Limmern. La metà dell’energia che può essere immagazzinata nelle 100.000 batterie è sufficiente per fornire elettricità a 200.000 case monofamiliari medie per un giorno.
Nota: ci sono circa 4,6 milioni di automobili in Svizzera; la massima potenza totale che si verifica nella rete elettrica svizzera si verifica in inverno ed è di circa 9,5 GW.

Termine ZEV (associazione per l'autoconsumo)

I proprietari di condomini, uffici ed edifici commerciali possono mettere l’energia solare autoprodotta a disposizione dei loro inquilini per l’autoconsumo. La soluzione sun2wheel permette una corretta fatturazione in caso di autoconsumo.

Una stazione di ricarica bidirezionale deve essere registrata?

Sì, una stazione di ricarica bidirezionale deve essere registrata presso l’operatore di rete locale (VNB) proprio come una semplice stazione di ricarica. La domanda di connessione tecnica (TAG), che può essere completata e presentata da un elettricista, per esempio, serve a questo scopo.
Come faccio a notificare all’operatore di rete una stazione di ricarica bidirezionale?

Il modulo di “richiesta di connessione tecnica” è utilizzato per questo scopo. Questo modulo può essere compilato solo da una persona certificata come un elettricista. Solo la sezione “Strutture di ricarica per veicoli elettrici” è compilata. I seguenti dati devono essere inseriti:
Tipo di dispositivo: “stazione di ricarica bidirezionale”.
Produttore del dispositivo: “sun2wheel AG”.
Tipo di dispositivo: “bidirezionale-digitale” o “bidirezionale-10
Connessione: 3x400V
Unità di corrente nominale: 16 A
Potenza nominale: 10 kVA
Cos Phi: 1
Ricarica DC del veicolo
Max. Potenza di prelievo dalla rete: 10 kVA
Max. Potenza di prelievo dalla rete: 0
Potenza regolabile tramite DSO: da 0 kVA a 0 kVA
Potenza controllabile dall’operatore: da 0 kVA a 10 kVA
Potenza attiva controllabile: No
Interfaccia tra il polo di ricarica e l’operatore della rete di distribuzione disponibile: No
Commento della società presentatrice: “L’energia di equilibrio è misurata per controllare la carica e la scarica. Questo garantisce che nessuna energia venga reimmessa nella rete”.

La stazione di ricarica bidirezionale funziona anche se la rete elettrica viene meno?

No, la stazione di ricarica bidirezionale non è ancora compatibile con le isole e non può funzionare in caso di mancanza di corrente. Allo stesso modo, la nostra stazione di ricarica non è ancora compatibile con un edificio autoalimentato. Stiamo lavorando per rendere i nostri sistemi utilizzabili in un sistema ad isola nel prossimo futuro.